State buoni , Se potete - San Filippo Neri ...

State buoni , Se potete - San Filippo Neri ...
State buoni , Se potete - San Filippo Neri ... Tutto il resto è vanità. "VANITA' DELLE VANITA '> Branduardi nel fim - interpreta Spiridione. (State buoni se potete è un film italiano del 1983, diretto da Luigi Magni, con Johnny Dorelli e Philippe Leroy).

sabato 9 aprile 2016

E quando miro in cielo arder le stelle; Dico fra me pensando: A che tante facelle?

By leggoerifletto

Inno alla luna e altre poesie - Giacomo Leopardi

O luna, tu che illumini ogni sera il tempo del sonno,
dove il sogno prende il sopravvento sulla realtà,
dove le ombre cancellano la luce,
illumina anche il mio cuore, perennemente dolente.
O spicchio di luce, che illumini i baci e le carezze dei giovani innamorati,
rischiara il loro cammino,
perché, confusi dal loro sentimento, non vedono l’irto sentiero
dove si imprimono i loro inesperti passi.
O notte, portatrice di effimere illusioni,
il tuo manto stellato possa avvolgere le mie parole
e consegnarle al vento, affinché possa essere mio messaggero.

- Giacomo Leopardi - 


Nessuno è nato sotto una cattiva stella; ci sono semmai uomini che guardano male il cielo.

- Dalai Lama -

Notte Stellata Rodano, Van Gogh


Non vagheremo più così
indugiando nella notte fonda,
anche se il cuore è parimenti preso d'amore,
e come allora luminosa risplende la luna.
Poiché la spada logora la guaina,
e l'anima il petto consuma,
e il cuore esige una pausa per respirare,
e l'amore stesso per il riposo sospira.
Anche se la notte fu fatta per amare,
e il giorno troppo presto ritorna,
pure noi non vagheremo più così
indugiando al chiaro di luna.

- George Gordon Byron -

 Dipinto: Jan Bogaerts (1878-1962), Moonlight Night

Le nubi di tanto in tanto
ci danno riposo
mentre guardiamo la luna.



- Matsuo Basho -

Dipinto: Koho Shoda (1871-1946), Moonlit Sea

E quando miro in cielo arder le stelle;
Dico fra me pensando:
A che tante facelle?
Che fa l’aria infinita, e quel profondo
Infinito seren? che vuol dir questa
Solitudine immensa? ed io che sono?
Così meco ragiono: e della stanza
Smisurata e superba,
E dell’innumerabile famiglia;
Poi di tanto adoprar, di tanti moti
D’ogni celeste, ogni terrena cosa,
Girando senza posa,
Per tornar sempre là donde son mosse;
Uso alcuno, alcun frutto
Indovinar non so.

- Giacomo Leopardi - 

Canto Notturno di un pastore errante dell’Asia



Buona giornata a tutti. :-)


Nessun commento:

Posta un commento

... ROSES & ESPINE..